Studio Oculistico Bertarelli

  • studio oculistico

Anatomia Dell Occhio

occhi

L’ occhio dell’uomo è molto simile ad una macchina fotografica: è infatti costituito da un insieme di lenti - cornea (a potere fisso) e cristallino (a potere variabile) - che servono a mettere a fuoco le immagini e che corrispondono all’obiettivo, dalla retina che corrisponde alla pellicola della macchina fotografica e da un diaframma che nell’occhio è costituito dall’iride. L’iride conferisce il colore agli occhi (azzurri, verdi o marroni) e reagisce in modo automatico alla luce, restringendosi o dilatandosi in funzione dell’intensità della luce ambientale. Il foro delimitato dal diaframma irideo, attraverso cui giunge la luce all’interno del bulbo oculare, si chiama pupilla. La camera oscura corrisponde alla camera vitrea.

La retina è in parte nutrita da uno strato vascolare detto coroide. Esternamente a questa si trova la tonaca esterna detta sclera che si continua nella porzione anteriore nella cornea. L’epitelio corneale (cioè lo strato più superficiale della cornea) trapassa nella congiuntiva, una membrana trasparente che riveste la parte anteriore del bulbo (congiuntiva tarsale) per poi piegarsi ad “U” (congiuntiva dei fornici) e andare a rivestire il verso bulbare delle palpebre (congiuntiva tarsale). Dal polo posteriore del bulbo parte il nervo ottico che si decussa parzialmente a livello del chiasma ottico in modo che le fibre provenienti dalla retina nasale dell’occhio destro vengano convogliate nel tratto ottico di sinistra e viceversa: in questo modo l’emicampo visivo destro proietta nella corteccia occipitale sinistra e viceversa.

STUDIO OCULISTICO BERTARELLI | 34, Via Mazzini - 20013 Magenta (MI) | P.I. 01033320159 | Tel. 02 97297033 | studiobertarelli@yahoo.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy